Devo fare la cresima prima del matrimonio?

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Domanda:

Buonasera, vorrei sposarmi ma non ho fatto la cresima, devo farla prima del matrimonio?

Risposta:

Grazie per la domanda, per rispondere a questa domanda in modo corretto e completo è necessario tenere bene in mente che cos’è la cresima.

Che cos’è la Cresima?

La cresima, ovvero il sacramento della confermazione, è appunto prima di ogni cosa un sacramento, quindi un momento in cui il signore tocca la nostra vita lasciando un segno visibile della sua azione.

In particolare durante il sacramento della cresima il cresimando, viene appunto unto sulla fronte con un particolare olio consacrato chiamato sacro crisma, tale olio rappresenta il segno lasciato dallo spirito santo che discende sul cresimando nel momento della sua vita in cui conferma appunto la sua fede ( da qui il nome confermazione)

Il termine Crisma deriva dal latino chrisma che significa olio o unguento e cresima deriva proprio dal termine crisma, poiché è quel sacramento in cui il cresimando viene unto.

Riassunto brevemente il significato del sacramento della confermazione, va detta un’ultima cosa, la cresima è pur sempre un sacramento e come tale andrebbe fatto solo se il fedele che si sottopone ad esso si trova in stato di grazia, come ad esempio un fedele che ha omesso di confessare peccati gravi non dovrebbe avvicinarsi al sacramento della comunione.

è proprio quest’ultima parte che ci viene in aiuto, infatti la chiesa prevede che una coppia per convivere, vivendo tutti gli aspetti di una vita matrimoniale ma senza essere sposati, non sia in stato di grazia (non a caso, in questa situazione, non si potrebbe/dovrebbe infatti approcciarsi nemmeno all santa comunione), è necessario infatti che due fidanzati o sposati solo civilmente per convivere abbiano vissuto il sacramento del matrimonio, solo così con la benedizione del signore sarà possibile vivere gli aspetti della vita di coppia restando in comunione con lui.

Pertanto se due fidanzati o sposati civilmente convivono, vivendo ogni aspetto della vita di coppia, in previsione del matrimonio, qualora uno dei due non abbia già contratto il sacramento della cresima, non potrà contrarlo prima di essere tornato in stato di grazia (regolarizzando la situazione di convivenza con il matrimonio).

In sostanza possiamo quindi semplificare la risposta in questi due casi:

Caso 1: Fidanzati non conviventi

In questo caso prima del sacramento del matrimonio, qualora una delle due parti non l’abbia già fatto, è necessario contrarre anche il sacramento della confermazione.

Lo si può fare frequentando un apposito corso per la preparazione alla cresima in età adulta al termine del quale verrà somministrato il sacramento vero e proprio.

Caso 2: Fidanzati già conviventi o sposati civilmente

In questo caso invece, non è necessario/possibile contrarre il sacramento della cresima prima delle nozze e quindi è possibile procedere al matrimonio previa dichiarazione di intenzioni, destinata al vescovo della propria diocesi, in cui viene espressa la richiesta di celebrare il matrimonio, con la promessa di sottoporsi al sacramento della cresima prima possibile, dopo le nozze.

A cappello di questo discorso vale sempre la pena ricordare il potere decisionale in merito è sempre affidato al vostro parroco, che conoscendovi personalmente è in grado di capire a pieno la vostra situazione, le vostre intenzioni e i vostri propositi, è pertanto sempre consigliato e necessario chiedere direttamente a lui aiuto per capire quale percorso dovrete seguire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *